PEC: mbac-as-an[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: as-an[at]beniculturali.it   tel: 071 2800356  

Archivio di Stato di Ancona

Riproduzione di documenti

Ai sensi dell'art. 108 del Codice dei Beni  Culturali (D. lgs. 42/2004), modificato con legge 4 agosto 2017, n. 124, è libera la riproduzione di beni archivistici (ad eccezione di quelli sottoposti a restrizioni di consultabilità) svolta senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, nonché per promozione della conoscenza del patrimonio culturale. È pertanto consentita la riproduzione di documenti con mezzi propria titolo gratuito, dopo aver compilato la dichiarazione appositamente predisposta. La riproduzione deve essere effettuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con i materiali, senza l’uso di sorgenti luminose o l’utilizzo di stativi o treppiedi. Non è pertanto consentita la riproduzione di documenti mediante l'uso di scanner portatili o a penna, nonché di flash o altre fonti luminose portatili.

Presso l’Archivio di Stato di Ancona è disponibile un servizio di riproduzione a pagamento in base al tariffario d'Istituto.

Le domande di riproduzione possono essere presentate in Sala di studio, compilando l’apposito modulo.

Ai fini della tutela del patrimonio archivistico, non si eseguono riproduzioni con modalità che comportino il contatto diretto con il bene (fotocopie e scansioni) di pergamene, carte topografiche e disegni che superino la dimensione di un foglio A3 e di documenti rilegati in volume, facilmente deteriorabili o in cattivo stato di conservazione.

Per ottenere copie conformi dei documenti conservati presso l’Archivio di Stato, occorre presentare una richiesta corredata di marca da bollo da € 16,00, secondo il modulo allegato. Le copie o gli estratti dei documenti verranno rilasciati in bollo (un bollo ogni quattro facciate).



Ultimo aggiornamento: 28/01/2019