PEC: mbac-as-an[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: as-an[at]beniculturali.it   tel: 071 2800356  

Archivio di Stato di Ancona

SIAS-Sistema Informativo degli Archivi di Stato

Il SIAS, Sistema informativo degli Archivi di Stato, sviluppato e coordinato dall'Istituto Centrale per gli Archivi, è stato progettato nel 2003 per l'esigenza di fornire uno strumento di descrizione archivistica informatizzata a quegli Archivi di Stato che non avevano partecipato al progetto "Anagrafe informatizzata degli archivi italiani" e che non erano dotati di propri sistemi informativi.

Fra il 2003 e il 2004, la prima versione del software, sviluppato dalla società Amanuense srl di Firenze, è stata per alcuni mesi oggetto di sperimentazione da parte degli Archivi di Stato della Liguria e della Sicilia. Successivamente il progetto è entrato in piena fase operativa, coinvolgendo complessivamente 94 Archivi di Stato e 29 Sezioni di Archivio di Stato.

Nel corso degli ultimi anni il sistema è stato mantenuto operativo con una serie di attività di conservazione tese a contrastare la progressiva obsolescenza delle sue principali componenti e ha continuato ad erogare i servizi agli Archivi di Stato e alle loro Sezioni e ad assicurare l'esportazione dei dati verso il Sistema Archivistico Nazionale, grazie a strumenti esterni.

Nel 2015, con l'aggravarsi dei problemi di obsolescenza del software, è stata realizzata la migrazione dell'intera banca dati in quella del SIUSA, il Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. Successivamente è stata avviata l'attività di bonifica, revisione, correzione ed integrazione delle descrizioni archivistiche, condotta dai singoli Archivi di Stato anche grazie al supporto di collaboratori esterni.

Nel 2017 è stata realizzata una nuova interfaccia web, che permette di navigare ed effettuare ricerche sull'intera banca dati SIAS e garantisce, per ciascun Archivio di Stato, una interfaccia personalizzata di navigazione e ricerca, che può essere integrata nel sito web di istituto.

La migrazione dei dati e lo sviluppo dell'interfaccia web sono stati curati dal Gruppo del Centro Archivistico della Scuola Normale Superiore diretto da Umberto Parrini e costituito da Gianfranco di Tota e Mirko Delcaldo, nell'ambito degli accordi di ricerca stipulati tra l'ICAR e la SNS nel dicembre 2015 e nel novembre 2016.

Il SIAS, la cui struttura logica si basa sugli standard internazionali di descrizione archivistica, si compone di vari moduli che forniscono informazioni: sugli Archivi di Stato, le loro Sezioni e sedi, gli indirizzi e i contatti, gli orari di apertura e i servizi di consultazione per gli utenti;

  • sul patrimonio documentario conservato;
  • sulle istituzioni e gli enti, le persone, le famiglie che nel corso della loro attività hanno prodotto, conservato e tramandato gli archivi descritti;
  • sulla tipologia e caratteristiche degli strumenti di ricerca dei complessi archivistici;
  • su altre entità di contesto quali i contesti storico-istituzionali, i profili istituzionali, gli ambiti territoriali.

L' Archivio di Stato di Ancona è stato tra i primi archivi in Italia ad essere in linea nel nuovo Sistema Informativo, fin dall'11 Aprile 2018. L'attività di bonifica, revisione, correzione ed integrazione delle descrizioni archivistiche. Attualmente sono fruibili le descrizioni aggiornate dei primi 154 fondi conservati dall'Istituto. Via via che questa attività verrà completata le descrizioni dei rimanenti fondi, che rimangono comunque disponibili nella versione precedente del SIAS, saranno messe a disposizione degli utenti.



Ultimo aggiornamento: 23/01/2019