Ruoli matricolari

Ruoli matricolari, Liste di leva e altre documentazioni militari

nell’Archivio di Stato di Ancona

 

a cura di Carlo Giacomini

Archivio di Stato di Ancona

 

L’Archivio di Stato di Ancona, tra i suoi molti fondi documentari, conserva e offre alla consultazione una fonte primaria per lo studio della Grande Guerra, vale a dire i Ruoli matricolari Esercito del Distretto Militare di Ancona.

Si tratta di volumi di grandi dimensioni nei quali sono registrati gli immatricolati nell’Esercito Italiano della provincia di Ancona, dalla classe di leva 1874 sino a quella del 1943 (ogni anno il materiale si incrementa con le scritture inerenti la classe di leva successiva che, al compimento di un settantennio, assume la valenza di documentazione storica; con il prossimo anno 2015, dunque, saranno versati all’Archivio di Stato i registri dei nati nel 1944).

I Ruoli in questione riguardano i soli “militari di truppa” immatricolati in tutti i comuni della provincia, cioè quelli dei soldati semplici e dei graduati inferiori (i Ruoli degli ufficiali, infatti, sono conservati a Roma nell’Archivio storico dello Stato Maggiore Esercito).

Tali atti costituiscono una fonte insostituibile dal momento che in essi sono registrate le singole vicende vissute da ogni soldato durante il periodo di servizio militare: arruolamento, reparto di appartenenza, richiami in servizio, promozioni o punizioni e, infine, data di congedo. Oltre che, nel caso di partecipazione ad operazioni belliche, invio in zone dichiarate in stato di guerra ed eventuali altre notazioni quali decorazioni al valore, periodi di prigionia subiti, ferite riportate in azione e relativi ricoveri ospedalieri, morte in combattimento.

Parallelamente a queste informazioni i Ruoli presentano anche una molteplicità di dati personali di indubbio interesse seriale: paternità e maternità dell’immatricolato, data e luogo di nascita, grado di istruzione, altezza e circonferenza toracica con altre caratteristiche fisiche (dentatura, forma e colore di capelli, occhi, incarnato), professione o attività lavorativa da “civile”, eventuale nulla osta concesso per l’emigrazione.

Materiale che fotografa, nel senso più vero del termine, la popolazione maschile della provincia di Ancona per quasi un secolo, fornendo insieme alla memoria delle singole e particolari vicende di ognuno, anche dati standardizzati determinanti per la storia della società marchigiana contemporanea.

Sinora la consultazione della documentazione è stata richiesta per finalità amministrative (riconoscimento di pensioni), per ricerche individuali di familiari dei militari, per scopi di studio o di documentazione da parte di organizzazioni locali e, in buona percentuale, per il rilascio della cittadinanza italiana in favore dei discendenti diretti di ex militari poi emigrati all’estero.

L’individuazione del ruolo matricolare di un soldato necessita la conoscenza dell’esatto nominativo (preferibilmente segnalando anche quello dei genitori, per evitare casi di omonimia), del luogo e dell’anno di nascita. La ricerca viene effettuata grazie a delle rubriche annuali che registrano, in ordine alfabetico secondo la lettera iniziale del cognome, i nominativi degli immatricolati per ogni classe di leva.

Questi strumenti cartacei (in discreta parte resi logori dal tempo e dal ripetuto uso), compilati all’epoca dal personale del Distretto Militare, sono stati sino ad oggi utilizzati anche dall’Archivio di Stato per il reperimento di ogni singolo iscritto.

Da un anno circa l’Istituto che li conserva sta realizzando un progetto di indicizzazione digitale dei nominativi presenti in tutte le rubriche dei Ruoli matricolari alfine di ottimizzare le ricerche e renderle fruibili anche on line. Una attività complessa che ha reso necessario sviluppare un programma informatico, appositamente dedicato, che renderà possibile espletare una ricerca grazie a varie chiavi di accesso all’universo dei dati.

Il lavoro, che sarà completato nel corso del 2015, già all’inizio del prossimo anno - in occasione del centenario della Grande Guerra - potrà essere utilizzato per le classi di leva relative ai militari che presero parte al conflitto, vale a dire ai nati dall’anno 1874 sino ai “ragazzi del ’99”, ultima classe chiamata alla guerra.

La presentazione ufficiale del progetto e delle sue applicazioni pratiche, già tenutesi in anteprima il 5 ottobre durante l’apertura straordinaria dell’Archivio di Stato di Ancona quale appuntamento delle Domeniche di carta 2014, sarà proposta ad un pubblico più vasto nella prossima primavera in coincidenza con il centenario dell’entrata in guerra dell’Italia.

Di questo progetto (accompagnato da alcune riproduzione fotografiche di Ruoli matricolari) si offre un elaborato digitale nel quale si dà conto dei criteri adottati per la creazione del sistema applicativo, delle problematiche incontrate nel lavoro svolto e delle modalità di immissione dei records, come pure dei possibili futuri sviluppi della banca dati.

La documentazione di natura militare custodita dall’Archivio di Stato, tuttavia, non si esaurisce con la serie ora descritta. L’Istituto conserva infatti anche gli Esiti di leva, atti propedeutici all’espletamento del servizio militare e consistenti nella chiamata alla visita medica per l’accertamento dei requisiti fisici degli iscritti alla leva, con il relativo e corrispondente esito (“abile arruolato”, “rivedibile” o escluso in base a varie motivazioni). Queste scritture, anch’esse concernenti la popolazione maschile residente nell’intera provincia di Ancona, sono contenute in registri annuali distinti per singolo comune e circoscrizione mandamentale, con la presenza di un registro generale comprensivo di tutti gli iscritti per classe di leva, per questo detto Sommarione.

I dati risultano più scarni rispetto a quelli dei Ruoli (paternità e maternità dell’iscritto, data e luogo di nascita, professione, esito della visita), ma offrono una copertura cronologica assai più ampia comprendendo i nati a partire dall’anno 1839.

Nell’Archivio di Stato, infine, sono ancora disponibili altre documentazioni di carattere militare quali i Ruoli matricolari della Marina di Ancona e Pesaro (rispettivamente per le classi di leva 1904-1919 e 1901-1913 e dunque non riferibili alla primo conflitto mondiale), i Fogli matricolari Esercito del Distretto di Pesaro (per le classi 1870-1899) ed i recentemente acquisiti Atti matricolari personali dei militari arruolati nella Guardia di Finanza di Ancona (per le classi dal 1830 al 1904).

Torna indietro